Mercantia: Gli oggetti in gioco

Gli oggetti che si trovano inseriti in Mercantia erano di libera circolazione al tempo, così come i materiali e le materie prime erano disponibili in diversa qualità e prezzo nei mercati. Anche gli artigiani presenti nel gioco sono particolari del tempo storico in cui è ambientato Mercantia, infatti troviamo i nomi originali degli artigiani che oggi non sono più conosciuti.

Nel gioco ci sono 60 oggetti realizzabili in tre modalità differenti: facile, media e difficile. Le difficoltà influiscono sui 3 indicatori fondamentali per la riuscita di un livello: costi, tempo e qualità. Lo stesso oggetto in modalità facile dovrà essere fatto in modalità difficile utilizzando meno tempo e con qualità molto più alta.

Questi sono gli oggetti di Mercantia:


201
Pane
Bozza di pane con farina macinata a pietra, spesso senza sale ed aromatizzato con spezie. Una piccola quantità  di farina, acqua e miele viene impastata e lasciata fermentare per cinque giorni: questa è la base lievitante a cui successivamente viene aggiunta altra farina, acqua ed eventualmente sale e spezie. I panetti vengono fatti lievitare per circa dodici ore e poi cotti in appositi forni a legna, risultando non molto alti e con un impasto tendenzialmente scuro per le classi più povere, mentre la nobiltà  poteva permettersi di acquistare farine più sottili e bianche.

202
Testello
Piatto in creta spesso, munito di un bassissimo piedino e coi bordi leggermente rialzati. L’argilla viene estratta, trasportata nel luogo di produzione e, a seconda della fattura dell’oggetto da realizzare, viene più o meno purificata dall’aggiunta di piccole pietre (inclusi) ed altri materiali vegetali presenti in natura. La forma viene realizzata dai tornitori, grazie all’uso dei torni in legno, e poi lasciata seccare e cotta in forni speciali, che raggiungono temperature elevate. A questo punto, l’oggetto d’uso comune è pronto: tuttavia, talvolta può essere “smaltato” tramite vetrificazione. Quello destinato ad una classe sociale più elevata, invece, viene decorato con smalti colorati ottenuti da vari pigmenti e realizzando decori di diverso genere, a seconda della committenza. Il ‘Testello’ è il piatto su cui servire cibi consistenti, ma in alcuni casi è usato anche per cuocere lentamente cibi secchi.

203
Chiodi

Grossi chiodi in ferro, irregolari e spesso molto lunghi, con capocchia quadrata o tonda. Il minerale di ferro viene estratto dalle cave e trasportato sul luogo di produzione; lì viene depurato, seppur grossolanamente, ed acquistato dai fabbri che nelle fucine tramite il fuoco, la ribattitura con appositi martelli ed incudini, agenti chimici rudimentali (polvere di ossa, urina, frammenti di cuoio, ecc) e l’acqua fredda, lo temprano creando le forme desiderate. I chiodi vengono realizzati partendo da ferro generalmente di scarto che viene scaldato nella forgia e ribattuto fino ad ottenere un listello più o meno sottile, ma grossolano.

Boccale (brocca)
Boccale
Brocca con manico in creta, utilizzata per mescere acqua o altre bevande. L’argilla viene estratta, trasportata nel luogo di produzione e, a seconda della fattura dell’oggetto da realizzare, viene più o meno purificata dall’aggiunta di piccole pietre (inclusi) ed altri materiali vegetali presenti in natura. La forma viene realizzata dai tornitori, grazie all’uso dei torni in legno, e poi lasciata seccare e cotta in forni speciali, che raggiungono temperature elevate. A questo punto, l’oggetto d’uso comune è pronto: tuttavia, talvolta può essere “smaltato” tramite vetrificazione. Quello destinato ad una classe sociale più elevata, invece, viene decorato con smalti colorati ottenuti da vari pigmenti e realizzando decori di diverso genere, a seconda della committenza. Il Boccale è la comune brocca, più o meno panciuta, atta a contenere e mescere liquidi tramite un beccuccio poco pronunciato.

Macina (attrezzo agricolo)
Macina
Grossa pietra stondata e forata nel mezzo, a formare una ruota; inserita su un perno e azionata da una forza permette di macinare il grano ed altri cereali. La pietra, di diverse tipologie, viene estratta dalle cave e portata sul luogo di produzione; lì viene sbozzata in forma tonda e le viene praticato un foro centrale. Viene montata all’interno di mulini ad acqua o su un grosso perno centrale che verrà  poi fatto ruotare da animali da traino: in entrambi casi poggerà  su un’altra solida base di pietra e, tramite l’attrito, macinerà cereali.

Calderone (uso domestico)
Calderone
Pentolone in ferro o rame, utilizzato per cuocere i cibi su fiamma diretta. Il minerale di ferro viene estratto dalle cave e trasportato sul luogo di produzione; lì viene depurato, seppur grossolanamente, ed acquistato dai fabbri che nelle fucine tramite il fuoco, la ribattitura con appositi martelli ed incudini, agenti chimici rudimentali (polvere di ossa, urina, frammenti di cuoio, ecc) e l’acqua fredda, lo temprano creando le forme desiderate. Il metallo del calderone può essere anche rame, che segue un procedimento analogo al ferro, e viene scaldato e ribattuto su incudini stondati così da dare l’apposita forma concava; a volte è già  munito di tre piccoli piedi atti a tenerlo sollevato sul fuoco.

Orcio (vaso)
Orcio
Vaso in creta, utilizzato per contenere alcuni tipi di cibi (solitamente granaglie o preparazioni sotto sale) e bevande. L’argilla viene estratta, trasportata nel luogo di produzione e, a seconda della fattura dell’oggetto da realizzare, viene più o meno purificata dall’aggiunta di piccole pietre (inclusi) ed altri materiali vegetali presenti in natura. La forma viene realizzata dai tornitori, grazie all’uso dei torni in legno, e poi lasciata seccare e cotta in forni speciali, che raggiungono temperature elevate. A questo punto, l’oggetto d’uso comune è pronto: tuttavia, talvolta può essere “smaltato” tramite vetrificazione. Quello destinato ad una classe sociale più elevata, invece, viene decorato con smalti colorati ottenuti da vari pigmenti e realizzando decori di diverso genere, a seconda della committenza. L’orcio è un piccolo vaso, di forma più o meno panciuta, usato solitamente per la conservazione di preparati alimentari.

Forcone (attrezzo agricolo)
Forcone
Attrezzo agricolo munito di tre denti in ferro posto su un asta in legno, atto a raccogliere ed accumulare fieno, erbe ed altro durante la gestione dei campi. Il minerale di ferro viene estratto dalle cave e trasportato sul luogo di produzione; lì viene depurato, seppur grossolanamente, ed acquistato dai fabbri che nelle fucine tramite il fuoco, la ribattitura con appositi martelli ed incudini, agenti chimici rudimentali (polvere di ossa, urina, frammenti di cuoio, ecc) e l’acqua fredda, lo temprano creando le forme desiderate. A questo punto si crea la parte principale del forcone (ovvero la base con le tre punte metalliche) che poi verrà  montata su un bastone in robusto legno, compito che spetterà  al falegname, a cui giungono i legnami dalle attività  boschive.

Filato di canapa
Filato di canapa
La canapa, dopo esser stata battuta e sfibrata, viene filata ed è utilizzata per tessere panni perlopiù per classi sociali basse. Dopo aver raccolto la pianta della canapa, questa viene battuta e pestata solitamente tramite l’ausilio di sassi, poi viene pettinata con degli appositi pettini per fibre, lavata, e, quando è abbastanza morbida, filata.

Aratro
Aratro
Attrezzo agricolo che permette, attraverso la forza del traino animale, di vangare il terreno per la semina molto più velocemente che tramite il solo lavoro umano. L’aratro è un attrezzo complesso, realizzato in legno, ma talvolta anche con la vanga in ferro (ovvero la parte atta ad aprire i solchi nella terra). Il legno giunge al falegname dalle attività  boschive e viene tagliato, stondato e limato fino a raggiungere la tipica forma; spesso un rafforzamento in cuoio viene aggiunto lì dove il giogo poggerà  sui colli degli animali trainanti, di solito buoi o asini e qualche volta cavalli robusti.

Alzata
Alzata
Ciotola in creta decorata, con alto piede, simile ad un grosso calice;

Filato di lino
Filato di lino
Il lino, dopo esser stata battuto e sfibrato, viene filato ed è utilizzato per tessere panni atti a confezionare soprattutto indumenti intimi o abiti per un ceto basso.

Cuoio
Cuoio
La pelle d’animale viene trattata per essere indurita e successivamente utilizzata per vari scopi, dagli accessori alle armature.

Anfora
Anfora
Grosso vaso in creta utilizzato per conservare e trasportare cereali, vino, olio ed altro.

Medicamenti semplici
Medicamenti semplici
Rimedi a base di erbe curative diffuse, come tisane e cataplasmi.

Filato di lana
Filato di lana
La lana, dopo esser stata tosata, lavata e pettinata, viene filata ed è utilizzata per tessere panni atti a confezionare panni per tutte le classi sociali, a seconda della qualità  del prodotto finito.

Attrezzi per cucinare
Attrezzi per cucinare
Vari attrezzi per la cucina in legno, come mestoli, forchettoni e taglieri.

Candele

 

 

Candele
Candele realizzate in purissima cera d’api, con all’interno della stoppa per farle bruciare.

219
Tessuto di canapa
Una volta pronta la pezza di tessuto è possibile confezionare il capo di vestiario desiderato, solitamente abiti semplici per lavoratori

Pergamena
Pergamena
Dopo aver scarnificato la pelle ed averla fatta asciugare in tensione, la pergamena viene levigata con della pietra pomice e cosparsa di polvere di gesso, così da offrire una migliore superficie di scrittura.

Cassa (uso domestico)
Cassa (uso domestico)
Grossa cassapanca in legno con cerniere e chiusura in ferro, utilizzata per contenere gli abiti ai piedi del letto o per il trasporto di materiale delicato.

Accessori per la tavola
Accessori per la tavola
Coltelli di varie forme e dimensioni, utilizzati sia per tagliare la carne o le verdure nella fase di cottura, sia per razionare il cibo a tavola; altre posate in metallo, come cucchiai o forchette, a una o due punte, sono utilizzate più facilmente sulle tavole ricche.

Anfora (ornamento)
Anfora (ornamento)
Anfora in ceramica decorata a più colori, utilizzata per contenere oli profumati, vini pregiati o spezie rare, ma anche solamente come abbellimento per la casa.

Filato di cotone
Filato di cotone
Il cotone, dopo esser stato battuto e sfibrato, viene filato ed utilizzato per tessere panni atti a confezionare varie tipologie di indumenti, dall’intimo a capi pesanti, alle fodere per gli abiti più ricchi; è infatti un filato vegetale meno diffuso del lino o della canapa perché proveniente da Oriente o dal Sud Italia.

Pelle e pellicce
Pelle e pellicce
La pelle degli animali macellati viene trattata in diversi modi a seconda dello scopo. Nel caso di pelli morbide o pellicce, utilizzate prevalentemente per creare accessori e capi d’abbigliamento, la concia prevede un ammorbidimento della fibra animale e, in alcuni casi, una tintura a base naturale.

Attrezzi agricoli
Attrezzi agricol
Oltre al forcone e all’aratro, sono diversi gli attrezzi utili ad un veloce ed efficace lavoro nei campi e sono prevalentemente realizzati in metallo e legno, come pale o battigrano.

Miele
Miele
L’apicoltura, diffusa fin da tempi antichissimi, consente di sfruttare l’operosità  delle api per raccogliere il miele, usatissimo come dolcificante, condimento e base di molti piatti.

Tessuto di lino
Tessuto di lino
Una volta pronta la pezza di tessuto è possibile confezionare il capo di vestiario desiderato, solitamente abiti semplici per lavoratori o indumenti intimi per ogni classe sociale, ma anche capi alla stagione calda;

Tavola dipinta
Tavola dipinta
Tavola di legno pregiato, ingessata e intelaiata, per essere poi dipinta realizzando un’opera pittorica spesso a tema religioso.

Attrezzi professionali
Attrezzi professionali
Ogni artigiano ha bisogno di attrezzatura molto specifica per compiere al meglio il proprio mestiere, per questo motivo i vari oggetti sono composti da diversi materiali come legno, ferro, ottone e fibre animali, e vanno ad adempiere a funzioni peculiari.

Filato di seta
Filato di seta
Il bozzolo di seta, dopo esser stato bollito e sfibrato, viene tessuto ed utilizzato per tessere panni atti a confezionare abiti per le classi sociali più elevate.

Abito in canapa
Abito in canapa
Il tessuto di canapa viene tagliato e cucito in forme comode e semplici, solitamente dalle donne per la propria famiglia, per realizzare capi per contadini ed artigiani.

Pane
Bracciale
Nelle botteghe degli orefici si realizzano piccoli capolavori in metalli preziosi e pietre dure, come i bracciali di diverse forme e dimensioni.

Tessuto di lana
Coltello
Lungo coltello dalla lama piuttosto larga, utilizzato spesso dai cacciatori per sventrare le prede direttamente sul posto, ma usato anche in altri contesti dove poteva risultare utile.

Tessuto di lana
Statua in legno
Gli scultori scolpiscono il legno, solitamente Madonne o Crocifissi, e successivamente i pittori la dipingono per rendere realistica la statua.

Tessuto di lana
Medicamenti Complessi
Rimedi a base di erbe curative rare, come decotti e vini guaritori

Tessuto di lana
Tessuto di lana
Una volta pronta la pezza di tessuto è possibile confezionare il capo di vestiario desiderato, solitamente abiti per classi sociali più agiate o capi d’uso invernale.

Torta di carne speziata
Torta di carne speziata
Il gusto culinario dell’epoca per le tavole più ricche prevedeva, tra le cose più particolari, la cottura di impasti simili a pane contenenti carne aromatizzata con miscele di spezie d’importazione.

Gambeson

 

 

Gambeson (protezione per il corpo)
La base dell’armamento è una sorta di giubba, solitamente realizzata in strati di panni di lino imbottiti di crine di cavallo.

 

Oggetti in vetro

 

 

Oggetti in vetro
Essendo di difficile lavorazione e trasporto, il vetro è un’esclusiva delle classi sociali più privilegiate che potevano permettersi di far realizzare ed utilizzare calici, ampolle ed altri splendidi oggetti.

Abito in lino
Abito in lino
Il tessuto di lino viene tagliato e cucito dalle donne per la propria famiglia o da sarti specializzati, a seconda del ceto sociale a cui sono destinati i capi, per realizzare abiti per la stagione estiva, per le classi lavoratrici o indumenti intimi.

Collana
Collana
Nelle botteghe degli orefici si realizzano piccoli capolavori in metalli preziosi e pietre dure, come le collane di diverse forme e dimensioni.

Daga (pugnale)
Daga (pugnale)
Un pugnale dall’elsa a croce e dalla lama acuminata, con fodero in cuoio; usata dai guerrieri come arma di riserva, ma anche come protezione da chi poteva permettersela.

Inchiostro
Inchiostro
Esistono varie ricette per creare l’inchiostro in modo naturale, ma tutte queste richiedono una certa esperienza nel reperire gli ingredienti e nell’assemblarli nel giusto modo.

Statua in pietra
Statua in pietra (ornamento)
Gli scultori scolpiscono la pietra, di diversi tipi, e successivamente a volte i pittori la dipingono per rendere realistica la statua.

Armatura in cotta di maglia

 

 

Armatura in cotta di maglia
L’acciaio viene filato per poi creare dei piccoli anelli che vengono assemblati tra loro tramite una sorta di chiodino metallico, andando a formare un vero e proprio tessuto d’arme.

Tessuto di seta

 

 

Tessuto di seta
Una volta pronta la pezza di tessuto è possibile confezionare il capo di vestiario desiderato, quasi esclusivamente abiti per le classi sociali più alte.

Abito in cotone
Abito in cotone
Il tessuto di cotone viene tagliato e cucito, solitamente da sarti specializzati, per realizzare capi per classi sociali più agiate, soprattutto indumenti intimi o fodere di abiti, ma anche capi più pesanti.

Manoscritto miniato
Manoscritto miniato
I miniaturisti, soprattutto monaci amanuensi ma anche professionisti di bottega, si occupano di inserire piccole scene a più colori, in particolar modo religiose, ai margini del manoscritto o ai capilettera.

Nave (extra)
Nave (extra)
Indispensabile per gli spostamenti più lunghi e per il commercio, le navi occorrono di molta manodopera e materiale prima di poter solcare i mari.

Carta
Carta
Gli stracci di canapa o lino vengono messi a macerare, pestati fino ad essere ridotti in poltiglia, fatti colare attraverso un apposito telaio e fatti asciugare; dopo essere stata incollata, la carta è pronta e si producono fogli di diverse qualità  e dimensioni.

Tessuto ricamato
Tessuto ricamato
Una volta pronta la pezza di tessuto è possibile confezionare capi di vestiario molto ricchi ricamando il tessuto a mano, spesso con filo prezioso.

Abito in lana
Abito in lana
Il tessuto di lana viene tagliato e cucito, dalle donne per la propria famiglia o da sarti specializzati, per realizzare capi per più classi sociali, a seconda della fattura della lana stessa.

Anello
Anello
Nelle botteghe degli orefici si realizzano piccoli capolavori in metalli preziosi e pietre dure, come gli anelli di diverse forme e dimensioni.

Scudo
Scudo
Solitamente realizzato in legno e rivestito da una tela di lino, spesso veniva dipinto con i colori araldici; era munito di cinghie in cuoio sul retro, che consentivano un’ottima presa sull’arma.

Camaglio
Camaglio
La cotta di maglia viene sagomata così da proteggere la testa dai colpi una volta indossata sopra un cappuccio imbottito.

Abito in seta

 

 

Abito in seta
Il tessuto di seta viene tagliato e cucito, solitamente da sarti specializzati, per realizzare capi per classi sociali molto agiate.

Elmo

 

 

Elmo
La protezione più efficace per la testa è l’elmo in ferro temprato, che poteva essere di diverse forme a seconda della funzione specifica dell’armato che lo portava.

Abito regale

 

 

Abito regale
Il tessuto, solitamente in seta ricamata, viene tagliato e cucito da sarti specializzati per realizzare capi complessi e lussuosi per le classi sociali più alte.

Spada

 

 

Spada
Quest’arma è la più complessa da realizzare e richiede enorme maestria per scegliere i materiali, per forgiare il metallo e per assemblare le varie parti; il suo costo è pertanto molto alto e rappresenta un vero e proprio status.